Welcome to my Art Studio

Scheda tecnica

Approfondisci i dettagli tecnici, i costi e quali benefici: la salvaguardia dell’ambiente, le detrazioni fiscali e l’ammortamento.

Se sei approdato su questa pagina sei sicuramente una persona attratta dal bello, attenta alla salvaguardia dell’ambiente e a come investe i propri soldi.

“Cercherò di essere più chiaro possibile, ma se mi dovesse sfuggire qualche dettaglio scrivimi”  Roberto Piaia


Indice
:

  • La statua di resina o bronzo?
  • Il costo delle statue con fotovoltaico
  • Leggi anche Garanzia [3+1] super sicura chiara come il sole
  • Pannelli solari utilizzati per il mio impianto
  • Abbinare un accumulatore di energia all’impianto. Conviene?
  • Utilizziamo anche il movimento del Vento!
  • Gli impianti micro-eolici domestici
  • Come funziona un impianto micro-eolico ad asse verticale
  • Risparmia… posando al lato della Tua Statua una Colonnina di ricarica dell’Auto Elettrica.
  • Colonnine di ricarica elettrica – bonus 50%
  • Detrazioni fiscali e Bonus per l’efficienza energetica
  • Esponimi le tue esigenze e chiedimi un preventivo. ti sorprenderò!

La statua di resina o bronzo?

Puoi scegliere la tua statua rivestita da celle fotovoltaiche tra una resina o un bronzo (oppure in acciaio inossidabile).

Su entrambe applico le celle nella parte più estesa che si affaccia verso il sole. In quelle più piccole (es. zampe, coda e muso di un animale), e nella parte che rimane in ombra, il materiale scelto rimane ben visibile. Questa dualità dona alla vista un effetto piacevole e intrigante.

La leggerezza della resina

  • La resina, è un tipo di plastica rinforzata con vetro e resine termoindurenti che induriscono dopo la lavorazione.
  • È un materiale con un’elevata resistenza, non teme le intemperie, gli sbalzi di temperatura e non ha bisogno di particolari cure.
  • La forza di questo materiale permette che le statue di resina diventino dei preziosi accessori per gli spazi esterni, come terrazzi e giardini.
  • Una delle sue caratteristiche principali è di essere molto malleabile, mi permette di creare qualsiasi modello desideri.
  • Non si possono impiegare sofisticate attrezzature computerizzate per realizzarle, perciò, ogni statua è un’opera unica fatto a mano

La storicità del bronzo

  • Il bronzo da millenni è lo strumento ideale con cui un artista può esprimersi.
  • Le mie statue sono fuse in bronzo con il procedimento della cera persa […]
  • È un materiale che molto spesso viene utilizzato per la creazione di statue da esterno, perché garantisce solidità e durabilità pressoché infinita.
  • Arricchisce lo stile dell’ambiente in cui viene posta, e sarai custode di un’opera d’arte unica il cui valore è destinato a crescere nel tempo.
sculture-energia-greenorchidea-serena-intera
Orchidea Serena
Statua H. 70 cm. 
Orchidea L. 185 cm.
Orchidea H. 150 cm.
Scopri di più
Mudra Orchidea StatuaOrchidea Mudra Scultura
Orchidea Mudra
Statua H. 110 cm. 
Orchidea L. 370 cm.
Orchidea H. 300 cm.
Scopri di più
Orchidea Genesi ScultureOrchidea Genesi Fotovoltaico
Orchidea Genesi
Statua H. 110 cm. 
Orchidea L. 740 cm.
Orchidea H. 600 cm.
Scopri di più
Eolic PferdeWind Turbine
Cavallo Eolico
Statua H. 140 cm. 
Base 1 L. 100 cm.
Opera H. 210 cm.
Scopri di più
Navitas Turbina EolicoNavitas Fotovoltaico
Navitas
Statua H. 140 cm. 
Base L. 200 cm.
Opera H. 270 cm.
Scopri di più
mudra-fotovoltaicomudra-base-eolico
Mudra
Statua H. 100 cm. 
Base L. 150 cm.
Opera H. 200 cm.
Scopri di più
Slider

Il costo delle statue con fotovoltaico

Se decidi di prendere una statua di resina, l’impianto fotovoltaico ti costa poco di più, perché la resina non è costosa. Il prezzo invece è superiore se la vuoi di bronzo o acciaio inossidabile, perché i materiali sono più costosi. Un’altra variabile che definisce il costo è tra la scelta di un modello già fatto, o di un modello personalizzato.

Per capirlo ti spiego come sono create:

  1. Inizio, per dare forma alla mia idea, con degli schizzi a matita.
  2. Poi costruisco una struttura di ferro per sostenere il modello di creta che vado a plasmare curando i particolari.
  3. Sul modello di creta finito, viene fatto un calco in gomma, ottenendo così il negativo dell’opera.
  4. Questo calco si può utilizzare per creare fino a 9 opere di resina o bronzo.
  5. Le 9 opere, sono comunque Opere Uniche: ritocco e rimodello in ognuna. tutti i particolari e forme…

Capisci quindi, che una parte dei costi e tempi di lavorazione, sono spalmati nelle 9 Opere Uniche. 


LEGGI ANCHE
Garanzia [3+1] super sicura chiara come il sole


Pannelli solari utilizzati per l’impianto

Negli impianti che progetto preferisco servirmi dei pannelli migliori che si trovano in commercio e che siano made in Italy. In una statua prendendo come esempio una figura femminile: il volto, mani e piedi rimangono visibili i materiali scelti, o la resina, o il bronzo. Il resto del corpo è ricoperto, nella parte esposta al sole, da celle fotovoltaiche. Questo è possibile perché applico le celle SunPower. I pannelli solari SunPower sono flessibili ed eleganti rispetto alle celle tradizionali. Perciò, mi permettono di lavorarle in modalità artistica.

Per quanto riguarda la base che sostiene l’opera, può essere di qualsiasi forma o altezza desiderata. A piramide, trapezoidale oppure come un petalo d’orchidea, ecc. I pannelli che uso in questo caso sono le SunPower se il modello è curvo come un petalo o una foglia. Le silicio monocristalline, se la superficie è piana.

A terra invece, possiamo mettere delle vere e proprie mattonelle fotovoltaiche calpestabili e antiscivolo, perfette per la realizzazione di terrazze e giardini soleggiati. Sono realizzate con un vetro stratificato di 6+6 mm. Altamente resistente.

Abbinare un accumulatore di energia all’impianto. Conviene?

L’integrazione di una batteria su un impianto fotovoltaico, oltre ad abbassare notevolmente il costo delle bollette, puoi guadagnare vendendo la tua energia al gestore. Questa tipologia d’impianti è anche definita stand-alone. L’accumulatore garantisce l’erogazione della corrente elettrica anche durante la sera e di notte, utilizzando energia pulita e a impatto 0. In questo modo, oltre ad abbassare notevolmente il costo delle bollette, puoi guadagnare vendendo la tua energia al gestore. 

La scelta ideale per chi consuma soprattutto di sera e notte.

La maggior parte dei consumi si concentra di sera e notte, quando siamo a casa. Durante questo tempo l’impianto non produce, e saremo costretti a rifornirci, a caro prezzo, dalla rete elettrica. Per tali motivi, la scelta di installare un Accumulatore insieme al tuo impianto Fotovoltaico è una scelta conveniente e intelligente. Questo grazie a batterie di ultima generazione. Progettate per garantire efficienza energetica e lunga durata nel tempo, sarà finalmente possibile sfruttare anche di notte l’energia elettrica prodotta di giorno.        

Quanto costa?

Se vuoi conoscere il prezzo per l’installazione di un accumulatore, devi sempre considerare che una parte rilevante del costo riguarda l’installazione. Quindi, oltre a considerare il costo vivo dell’accumulatore, l’ideale è sviluppare un preventivo dopo aver fatto un sopralluogo. Per capire effettivamente se sono necessari ulteriori interventi e/o materiali per un’installazione a regola d’arte. Molte Aziende del settore, offrono sopralluoghi gratuiti e assolutamente senza impegno.

Utilizziamo anche il movimento del Vento!

Gli spazi tra i pieni e vuoti della Statua a Spirale, possono ospitare anche una Turbina Eolica Verticale domestica. Oppure, si può collocare all’esterno giocando con la creatività, l’artista può renderla aggraziata. L’energia ricevuta dalla Turbina, è prodotta sia di notte sia d’inverno, e si attiva anche con venti a velocità ridotte.

Gli impianti micro-eolici domestici

In base alle loro dimensioni e alla loro potenza, possono generare un numero maggiore o minore di watt per ampliare l’accumulo di energia elettrica. Sono realizzati con diversi sistemi. In genere, si possono utilizzare due impianti differenti: eolico domestico ad asse verticale oppure orizzontale. Entrambi i generatori prevedono una velocità minima tra i 3 e i 5m al secondo. Questi non funzionano ad altissime velocità. Infatti, se sottoposti a un’energia eccessiva si bloccano per ragioni di sicurezza del dispositivo.

Come funziona un impianto micro-eolico ad asse verticale

L’impianto micro-eolico ad asse verticale per la propria abitazione è molto utilizzato in quest’ambito. È uno dei sistemi più utilizzati per ottenere una buona produzione di energia elettrica con la sua installazione. Questo impianto resiste abbastanza bene anche alle raffiche di vento. In questo caso, l’energia elettrica prodotta dipende dal movimento del vento. Questo sistema prevede diversi vantaggi. Innanzi tutto, un funzionamento costante nel tempo che non prescinde dalla direzione del vento. Inoltre, i sistemi verticali sono facili da installare e prevedono uno scarso ingombro.

Risparmia… posando al lato della Tua Statua una Colonnina di ricarica dell’Auto Elettrica.

Per la maggior parte dei proprietari di veicoli elettrici, il punto principale per la ricarica è la nostra casa. Normalmente i veicoli sostano nel box o nel posto auto diverse ore ogni giorno: questa situazione è ideale perché consente di ricaricare lentamente la batteria. Quindi, è sufficiente una potenza (kW) ridotta per avere ogni mattina la batteria completamente carica. Inoltre, contrariamente a quanto in molti pensano, non bisogna far scaricare la batteria per poi ricaricarla completamente. Le moderne batterie al litio impiegate sui veicoli, beneficiano maggiormente di piccole ricariche parziali.

Devo rivolgermi al Gestore di Rete (ad esempio Enel)?

No.

L’auto elettrica diventerà un “elettrodomestico” come tutti gli altri (solo un po’ più potente e divertente!). Il Gestore di Rete non dovrà quindi essere interessato, proprio perché non servono permessi o autorizzazioni.

Quanto Tempo serve per la ricarica con l’impianto Fotovoltaico?

Dipende.

La velocità di ricarica dipende da due fattori principali: la potenza (kW) con cui si ricarica e la potenza massima accettata dal carica batteria interno al veicolo. Se i due valori sono diversi, comanda sempre il più basso dei due.

Ad esempio:

  • stazione di ricarica da 7,4 kW e veicolo elettrico con carica batteria interno da massimo 3,7 kW: la ricarica avverrà a 3,7 kW;
  • stazione di ricarica da 3,7 kW e veicolo elettrico con carica batteria interno da massimo 7,4 kW: la ricarica avverrà a 3,7 kW.
  • Una ricarica completa a 3,7 kW richiede circa 5/6 ore di tempo.
  • Una ricarica completa a 7,4 kW richiede circa 2/3 ore di tempo. E così via.

Difficilmente comunque sperimenterete questi tempi, perché raramente si fa una ricarica completa. Di solito si fanno “rabbocchi” (o nel gergo della mobilità elettrica “biberonaggi“). Quindi, probabilmente avrete l’auto in carica per 1 o 2 ore al giorno (a seconda di quanti chilometri avete fatto durante la giornata).

Colonnine di ricarica elettrica – bonus 50%

Le infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici sono ormai obbligatorie per gli edifici nuovi, o oggetto di ristrutturazione profonda. Per chi installa, dal 1° marzo 2019 al 31 dicembre 2021, infrastrutture di ricarica elettriche, anche nei condomìni, la detrazione fiscale è del 50%. Per tutte le spese sostenute, inclusi i costi iniziali per la richiesta di potenza addizionale fino ad un massimo di 7 kW. La detrazione va ripartita in 10 quote annuali di pari importo, e calcolata su un ammontare complessivo non superiore a 3.000 euro. Per accedere all’agevolazione, le infrastrutture di ricarica devono essere dotate di uno o più punti di ricarica di potenza standard non accessibili al pubblico. Ciò significa che sono agevolate le colonnine poste a servizio di condomini o delle singole abitazioni.
Anche senza incentivi, installare un impianto fotovoltaico residenziale è ancora oggi una scelta conveniente. È un investimento che assicura notevoli risparmi in modo particolare se si opta per l’autoconsumo domestico o per un impianto con batterie ad accumulo. Inoltre, si può integrare il fotovoltaico con una pompa di calore e ridurre anche i costi del gas.

Detrazioni fiscali e Bonus per l’efficienza energetica 

Anche nel 2020 chi installa un impianto per l’energia rinnovabile, può ottenere le detrazioni fiscali del 50% sul totale delle spese sostenute. Come lo scorso anno la detrazione è ripartita in 10 rate annuali.

Per le detrazioni la comunicazione all’Enea: Agenzia Nazionale Efficienza energetica è obbligatoria. Si possono trasmettere i dati online sul sito detrazionifiscali.enea.it Sempre nel sito di Enea, si ha la possibilità di aggiornarsi sulle agevolazioni e Bonus che variano secondo la Regione in cui si vive.

Ad esempio: per il 2019 la Regione Veneto ha stanziato 2 milioni di euro per incentivare l’installazione di batterie di accumulo domestico per fotovoltaico. La misura prevede un incentivo a fondo perduto pari al 50% delle spese sostenute per l’acquisto dell’accumulo. La regione coprirà fino al 50% della spesa se l’accumulo costa fino a 6.000 euro IVA esclusa. Mentre, sarà di 3.000 euro se l’impianto ha un costo superiore ai 6.000 euro.

“P.S. Allora, ti ho descritto i dettagli tecnici dell’impianto fotovoltaico con la Statua. Ora sai che mettendo nel tuo giardino, terrazzo o piazzale della tua azienda una statua ottieni energia rinnovabile e prestigio. Che puoi abbellire con un gioco visivo l’impatto di una turbina eolica e di una colonnina ricarica auto. Che sono appoggiato da ottimi tecnici del settore. Che posso crearla di qualsiasi altezza e a tuo gusto personale . Il tutto, risparmiando sulla bolletta e a seconda della Regione in cui vivi, sfruttare le Detrazioni Fiscali. Che ti offro garanzia semplice e sicura…”

Cosa aspetti a scrivermi?

ESPONIMI LE TUE ESIGENZE E CHIEDIMI UN PREVENTIVO. TI SORPRENDERÒ!

ORA CLICCA  SU QUESTO LINK E TROVI IL MODULO PER CONTATTARMI (se preferisci essere contattato telefonicamente scrivi anche il tuo numero di telefono e l’ora che desideri essere chiamato)”.

Solo per web n.b. Fonti: I contenuti pubblicati nel presente articolo sono liberamente reperiti online su portali d’informazione come arera.it, servizioelettriconazionale.it ed i principali organi d’informazione giornalistici.

google-site-verification: google70cb43ef47ebde04.html